Puntata 11

Domenica Pomeriggio
“E’ questa Via delle Tartarughe” disse il conducente.
Il ragazzo scese dal camion e ringraziò il guidatore. Sarebbe stato difficile
spendere i suoi ultimi soldi per un biglietto del bus. Fino al momento della
reunion non poteva permettersi spese avventate. Aveva da parte i soldi per una
settimana nella pensione del paese. Si era informato appena sceso dal treno alla
vista dell’insegna trovata lungo un peregrinare per le strade del centro. Suo
padre, insieme a sua moglie erano stati assai generosi, indirettamente, con lui.
Sembrare un diciottenne gli faceva comodo. Il problema era la carta di identità.
E quindi era necessaria, se non indispensabile, tutta la sua forza di persuasione
per convincere a farlo pernottare alla pensione o a fare qualsiasi altra cosa che
era negata a un minorenne.
Sotto questo aspetto non c’erano grandi problemi. Era già riuscito, soltanto con
la carta provvisoria, a fare di queste scappatelle per ritrovare la sua mamma.
Aveva cominciato già a sedici anni a fuggire di casa dopo che l’assistente
sociale, impietosita dal suo piagnisteo, gli aveva fatto dare una occhiata ai suoi
incartamenti per fargli sapere chi fosse sua madre. Via delle Tartarughe era
saltata fuori grazie ad una collega della madre che lavorava in proprio e che gli
aveva raccontato di conoscerla, la sua mamma. Glielo confermò grazie al
racconto che la madre fece alla collega coinquilina diversi anni prima in vena di
confidenze. E fu quel qualcosa nella voce del ragazzo a farle vuotare il sacco.
Senza freni di circostanza. Il nome, però, non lo sapeva. Usava uno
pseudonimo.
Le lacrime di gioia mista a disperazione furono la reazione di Alex alla fine
della telefonata.
E adesso era li, ad aspettare sua madre. Che dovesse entrare lui o uscire lei non
era un problema. Avrebbe bussato a quei sei villini uno alla volta. E questo fu
ciò che si mise a fare appena arrivato all’imbocco della via.
Nessuno rispose. Franca era sul retro della villetta e non sentì. Marta era a fare
la spesa al centro commerciale.
Aspettò fino al tramonto che qualcuno o qualcosa si muovesse ma, alla fine, si
arrese e fece a ritroso a piedi la strada per il ritorno al paese. Questo significava
che la guerra sarebbe continuata l’indomani. E la vittoria era la sua unica
aspirazione.
                                                                 * * *
Lo sapevano tutti. Ma lei non voleva saperne di essere aiutata. Troppo orgoglio.
Marta si era dovuta ipotecare la casa con la sua banca per cercare di chiudere il
gigantesco buco lasciato dal marito suicida. Si era accorta troppo tardi di aver…

(continua…)

About Matteo Baudone

Un aspirante giornalista.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s