Puntata 17

fuga a sua moglie. Cioè una ipoteca sulla casa, con cui coprì parzialmente quasi
tutti i creditori anche se solo in una minima percentuale. Perfino lo strozzino si
accontentò di quei pochi soldi, che erano una inezia. Ma se si aggiunge che
ricevette anche una piccola casetta di cui Alberto non sapeva niente dato che era
un segreto della moglie e di suo padre, si ritenne soddisfatto del cambio. E
stracciò davanti a quella donna indifesa qualsiasi pezza di credito verso di lei.
Restavano tutti gli altri creditori. Che lei affrontò con sangue freddo dopo la
scoperta del mondo reale. Alle banche disse che controfirmava lei i fidi del
marito, dato che lei era incensurata ed era sempre stata una buona pagatrice. I
direttori si accontentarono, a patto che lei rifinanziasse tutti i debiti presso una
finanziaria accordata dai tre direttori, in cui venne messo l’ammontare generale
del debito del fu marito. Ai proprietari di nuda proprietà disse che non sapeva
cosa farci e che gli facessero tranquillamente causa. Con il risultato certo che lei
avrebbe perso ma nel frattempo avrebbe avuto del tempo per organizzare
qualcosa. Il che non era male.
Alla fine avrebbe, se non riuscita a trovare una soluzione, dichiarato fallimento.
Agli inquilini compratori, girò tranquillamente la proprietà degli immobili. I
creditori del marito ricevettero i gioielli in pegno. Alla fine si ritrovò senza
nulla, se non qualche migliaio di euro in banca con cui diede acconto per un
avvocato più economico possibile che gestisse le cause.
Cosa avrebbe fatto? Lei era sempre stata una donna mantenuta. Non aveva mai
fatto un lavoro vero. Vedeva le signore della via fare quel tipo di lavoro e aveva
sempre pensato, senza mai dimostrarlo apertamente, che era superiore a loro.
Ma il giorno in cui si decise a pensare come racimolare soldi, pensò che quel
lavoro non era tra i più difficili. E decise che avrebbe fatto come quelle donne.
Ne di più ne di meno, anche se avrebbe voluto ottenere di più. Si. Ma come
cominciare?

About Matteo Baudone

Un aspirante giornalista.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s