Puntata 30

solitudine che vedeva nello sguardo della gente, che la guardava come una
pezzente senza arte ne parte, le fecero prendere una direzione diversa.
Che cosa avrebbe potuto fare? La dipendente? La lavorante? Erano tutti lavori
che comportavano un’esperienza da dimostrare. E lei non aveva nulla in mano.
Con se aveva la sua femminilità. E decise che ne avrebbe fatto la sua forza.
Decise di mettere un annuncio di giornale in cui faceva tutto quello che altre
donne nelle sue stesse condizioni facevano. E grazie a un briciolo di fortuna
incontrò una collega che quel giorno era andata a rinnovare il suo annuncio. Gli
disse che a Viale delle Tartarughe si stava liberando un posto. E che se aveva la
possibilità di pagare l’affitto ci sarebbe stata una villetta in cui vivere e lavorare.
Il proprietario non voleva viverci, anzi la voleva vendere. Sarebbe stata una
abitazione senza avere il fiato sul collo di una marmaglia di condomini che ti
fanno cambiare casa ogni sei mesi a causa delle loro lamentele.
Non se lo fece dire due volte. Avrebbe prosciugato il suo assegno ma avrebbe
avuto un tetto dove svolgere il suo lavoro.
I clienti non tardarono ad arrivare. E in un anno riuscì ad ottenere un prestito da
Enrica per comprare la casa grazie al forte anticipo che riuscì a mettere da parte
in quell’anno di lavoro. Enrica chiese semplicemente un pagherò firmato.
Francesca non poteva credere alle sue orecchie.
Alex era deciso. Avrebbe suonato ad ogni campanello. Ma pensandoci sopra
sarebbe bastato limitarsi a suonare due. Il primo per chiedere di Francesca. Il
secondo per farla uscire di casa.
Dovette suonarne tre, visto che alla prima villetta nessuno rispose. La seconda
niente. La terza fu più fortunato.
Patrizia rispose aprendo la porta, visto che non c’era citofono.
“Salve” dice Patrizia. “Che cerchi?”.
“Sto cercando una persona..” dice Alex.
“Mi dispiace ma non posso aiutarti”.
“La prego…”
“Chi è Patri?” dice Franca uscendo da dietro la porta.
“Nulla Fra… uno scocciatore”
Franca lo guardò in volto. E il naso e la fronte gli sembravano familiari.
“Salve signora. Sto cercando una donna” dice Alex a Franca.
“Qui ci siamo solo noi due” si intromette Patrizia nel discorso che lui aveva
iniziato con Franca. “Vattene o chiamo la Polizia!”.
“Tu sei il figlio di una di noi. Vero?” dice Franca.
“Si sono io…”
“Non è possibile!” dice Patrizia rivolta a Franca, “Non ha figli nessuna di noi”.
Poi si volta e si rivolge ad Alex: “Vattene via…”
“Perché la stai cercando?” dice Franca ad Alex. “Soldi?”
“No. Devo vederla. E’ molto importante…”

About Matteo Baudone

Un aspirante giornalista.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s