Puntata 46

Martedì mattina
Alex scese di buon mattino a fare colazione con le due padrone di casa. Il
silenzio regnava sovrano. Lui non sapeva come iniziare un qualsivoglia
discorso. Loro non sapevano come dirgli quello che la madre di lui voleva.
Dopo aver addentato una decina di biscotti nel latte e caffè di cui si servì su
indicazione di Patrizia, chiese una sola cosa alle due donne: “Cosa vi ha detto?”
Il suo cuore pompava litri e litri di sangue al secondo.
Fu Franca a parlare: “Lei non ti vuole incontrare”.
Il biscotto appena inzuppato rimase nella mano di Alex a mezz’aria sopra la
tazza fino a che non si spezzò e la parte imbevuta di liquido si fiondò nella
tazza piena facendo zampilli su tutto il tavolo.
“Ma mi volete sempre come giardiniere tuttofare, non è vero?” fu la prima cosa
che disse alle due donne.
Rispose Patrizia: “Per casa nostra va bene. Ma ti possiamo offrire solo vitto e
alloggio. Non possiamo offrirti di più”.
La serenità che pervase Alex lo fece rimettere a fare colazione con calma.
“Dovrai guadagnarti per bene il fatto di poter rimanere a casa nostra. Se le
nostre colleghe, che tu non potrai mai chiamare per nome altrimenti il nostro
aiuto verrebbe meno, vorranno servirsi di te non garantiamo. Dovrai
guadagnarti il loro rispetto con le tue mani e con la tua pazienza”
“E soprattutto c’è un’altra condizione che dovrai rispettare” disse Franca appena
finito di far parlare la socia “Quando io o lei lavoriamo non ti vogliamo tra i
piedi. O che tu sia in giardino da noi o dalle altre, o che tu vada in giro con la
bici che è in garage e che puoi usare per i tuoi spostamenti, pretendiamo il
massimo rispetto per i nostri clienti. Che sono il tuo pane tanto quanto il nostro,
anche se per te indirettamente. Sono stata chiara?”. Dall’inizio della
rassicurazione fino al ‘chiara’ di Franca Alex continuava a fare colazione fino a
che non rallentò ascoltando le parole delle due donne. Fino alla paralisi
completa quando si sbloccò e rispose: “Ho capito”.
“Alle nove noi cominciamo. Puoi trovare gli attrezzi da giardino che abbiamo
nel garage dietro casa. Pensi di avere qualcosa da fare?” disse Patrizia al
ragazzo.
“Credo proprio di si. Ma vorrei fare un sopralluogo con voi per sapere se volete
qualche cosa in particolare” disse Alex con fare serio non artificiale.
Le due donne seguirono Alex in giardino dopo aver fatto vedere ad Alex gli
attrezzi che avevano. Alex disse che si sarebbe arrangiato. E che se qualcosa ci
sarebbe stato da comprare lo avrebbe fatto prendere alle due donne solo in
strettissima necessità. Alle due donne piacque il piglio adulto del ragazzo e
soprattutto capirono che le sue non erano balle. Che lui veramente era un
giardiniere. Lo confermarono a loro stesse quando iniziò a prospettare alle…

About Matteo Baudone

Un aspirante giornalista.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s