Puntata 82

Mercoledi pomeriggio
L’ultima pratica della mattina è conclusa. Marcello ha completato il suo lavoro
giornaliero con un’ora di anticipo. Vorrebbe andare a viale delle Tartarughe per
provare a staccare alle due donne la loro ospitalità, naturalmente dopo aver fatto
zumpa zumpa. Il suo orario è sempre stato quello delle sei di sera e non ci
avrebbe rinunciato facilmente. Moglie o non moglie. Ma come fare se arriva
una pratica da fare extra? Non sa a chi chiedere aiuto.
Il suo aiuto si sarebbe presentato dopo pochi secondi di quel suo pensiero.
Toc toc! Bussano alla sua porta.
E’ Giovanni, uno dei colleghi che gli porta proprio quella pratica extra.
“Ciao Marcello. Mi servirebbe evadere questo fascicolo entro stasera”.
Marcello con tutta la sfacciataggine di cui era padrone, chiede al collega: “Ti
posso chiedere una cosa?”
Giovanni, nutrendo della simpatia per il collega, non gli nega un si.
“Devo fare una sorpresa a mia moglie. Mi copriresti per la mezz’ora che avanza
dopo quel fascicolo?”
Giovanni non può non controbbattere chiedendo: “Che sorpresa?”
“E’ il nostro anniversario personale. Devo passare a ritirare il dolce per stasera.
Mi aiuti?”
Giovanni non può dirgli di no, a quella richiesta. Gli rode leggermente, visto
che vorrebbe essere lui il compagno di Marcello, ma riesce a mettere la
questione in secondo piano e gli risponde di si.
Marcello si mette al lavoro e finita l’analisi del fascicolo lo riporta a Giovanni e
gli dice di andare a controllare ogni tanto se suona il telefono. Se è mia moglie
digli che sono in bagno e che la rcihiamo io. Se è finito il turno digli che sono
già per strada. Grazie Giovanni, sei un amico”.
‘Non potrei essere qualcosa di più?’ si dice tra sè e sè Giovanni.
Marcello vola dalle due donne a viale delle Tartarughe. Appena arivato scende
dalla macchina sulla strada e corre verso le due donne. Muore letteralmente
dalla voglia. Le due donne lo bloccano prima che possa cominciare.
Patrizia comincia dicendo: “Per quel conticino arretrato che ci devi? Sono mille
euro.”
Marcello prende la palla al balzo e comincia a dire alle due donne: “Se li volete
io sono disposto a pagarvi il mio stipendio per metà a patto che l’altra metà
copra il pensionato che verrei a chiedervi”.
Patrizia, in coro con Franca, risponde: “Cosa?”
“Esatto. Il mio lavoro fa fede al mio onorare il debito. In fondo voi avete delle
camere sfitte…”
“Non se ne parla!”

About Matteo Baudone

Un aspirante giornalista.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s