puntata 114

Epilogo

Un anno dopo

Patrizio prende un bignè dal vassoio dei dolci.
“Da piccolo io non ero cosi”.
“E com’eri?”.
“Ero molto taciturno”.
“Io da bambina stavo sempre con i miei compagni. E loro si divertivano a
toccarmi. E ti dirò di più: la cosa non mi disgustava…”
Elena prende un sorso di tè.
“Ti mancheranno le mie visite?”.
“Per un certo verso sono anche contenta. Da quando ti conosco ho preso dieci
chili e ho speso una marea di soldi in palestre e corsi di aerobica”.
“Per l’altro?”.
“Anche il fatto che tu ti sposi mi rende contenta. Una donna che ti sappia fare
quello che faccio io con i miei racconti. Lo avresti mai creduto?”.
“Per l’altro verso?”.
“Con te il mio lavoro non sembra pesante. Sei stato una pausa più del classico
riposarmi tra un cliente e l’altro…”
Patrizio beve un sorso di te nel più completo silenzio tra i due. Mentre beve si
ricorda di una cosa e di scatto lascia la tazza sul tavolino e si fionda verso il suo
bagaglio da tutti i giorni. Ne estrae una busta.
“Mi stavo dimenticando di dartela. Ci conto sulla tua visita…”
“Ma io…” dice Elena all’uomo. Ha il sospetto di cosa si tratti ma non ci vuole
credere.
E’ la partecipazione di nozze.
“Ti ho messo nel tavolo delle single. Vieni?”
Elena non sa cosa rispondere.
“Di dolce cosa avete preparato?”
****
‘E all’istante gli furono portati due pavesi, di cui erano venuti provvisti e, senza
lasciargli mettere altro vestimento…’
Le parole venivano fuori lente, come solo una persona che vuole gustarsi la
lettura fa. Marisa sta seduta su uno sgabelletto in un sabato mattina che da
qualche mese a questa parte tiene libero per quella sua missione. Il suo
ascoltatore è la bara in alabastro del suo ragazzo preferito. Quello per cui ha
fatto la spola in ospedale per un mese ogni giorno, per una mezz’ora di lettura
tutta per lui. Ogni giorno un vestito diverso. In quella occasione veste tutti
isabati il suo tailleur nero a righe grigie. Mezz’ora anche in quel caso. Tutto per
un ragazzo che le ha cambiato la vita. E’ stato in uno dei suoi viaggi in ospedale

About Matteo Baudone

Un aspirante giornalista.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s